Ristorante e Albergo nelle Langhe

Tota Virginia


Aperto tutti i giorni

Ristoranti Langhe - Tota Virginia Serralunga d’Alba, Cuneo

Sulle colline di Serralunga d’Alba, nel cuore del Piemonte, si trova Tota Virginia, Albergo a quattro stelle e Ristorante, circondato dai vigneti del pregiato Barolo. Una perla incastonata nel verde delle Langhe che offre al visitatore un'esperienza unica, che sia un soggiorno, una cena, una degustazione o un evento, i panorami e la qualità dei prodotti, insieme ai profumi e all’accoglienza, lasceranno un ricordo indelebile. 
La struttura conserva ancora oggi l'architettura tipica del primo '900, con portici e mattoni a vista e domina una lunga serie di colline che si estende da nord a sud della regione, denominata Lunga Serra che dà il nome al comune di Serralunga d'Alba, uno dei Comuni il cui territorio è interamente compreso nella zona di produzione del Barolo.
La posizione panoramica è privilegiata e regala agli Ospiti una splendida vista proprio sui vigneti, degustando i prodotti di queste terre e seguendo i percorsi enogastronomici.
Presso Tota Virginia è possibile soggiornare, trascorrere le vacanze in ogni stagione, lasciare la routine alle spalle, trascorrere un weekend di relax, una fuga romantica, una cena al tramonto nelle Langhe, un pranzo a diretto contatto con la natura, una vacanza rigenerante, rilassarsi in piscina circondati dall'armonia del verde, farsi coccolare dalle attenzioni dello staff, regalarsi una vacanza, disintossicarsi dalla città, passeggiare tra i vigneti, sorseggiare il miglior Barolo a kilometro zero, lavorare in mezzo alla natura, condividere una cena con gli amici, degustare la cucina tipica piemontese, organizzare un incontro di lavoro, imparare la cultura vinicola, portarsi il lavoro in mezzo al verde, fare una pausa, incontrare le persone care, seguire un percorso enogastronomico con gli esperti, vedere posti suggestivi, vivere semplici momenti di relax e non pensare a niente....uno staff attento e professionale rende possibile tutto questo ed è a disposizione per realizzare le richieste degli Ospiti, con accoglienza e una qualità del servizio eccellente. I padroni di casa amano ricevere i propri ospiti in un ambiente famigliare e confortevole. 

L'Hotel dispone di 13 camere arredate finemente e dotate di tutti i comfort, con vista su Serralunga d’Alba e le sue colline. Gli animali domestici sono ben accetti. 

Il Ristorante è un fiore all'occhiello della cucina piemontese, dove è possibile pranzare o cenare direttamente davanti ai vigneti, con vista sulle Langhe, da ammirare all'esterno o dall'interno attraverso le luminose vetrate della sala. Sotto i portici, sulla balconata adiacente, si trovano i tavoli esterni. I giardini sono un vero e proprio salotto verde dove gli Ospiti dell'albergo possono rilassarsi e rinfrescarsi nella piscina di pietra di Langa, che domina tutto il panorama.
La cucina è un raffinato punto d'incontro tra tradizione e innovazione, attraverso gli ingredienti tipici della cucina piemontese di altissima qualità. Lo Chef Claudio Cagliero propone ricette creative partendo dalla gastronomia locale, utilizzando solo ingredienti di prima scelta e rigorosamente di stagione. I piatti sono piccoli capolavori per il palato, pensati per valorizzare il territorio, con particolare attenzione a prodotti tipici come il tartufo bianco d'Alba e i formaggi piemontesi.
Gli ospiti possono scegliere liberamente nel menu alla carta o degustare i menu della tradizione e di pesce. Inoltre con il menu degustazione è possibile scegliere l'abbinamento dei vini per degustare ciascun piatto con l'etichetta più appropriata.
Tota Virginia si propone anche come location per festeggiare un evento importante, privato o aziendale, data la presenza del Salone Virginia, a ridosso dei vigneti, che è in grado di ospitare sino a 200 persone, con attenzione ed efficienza costante e un risultato di sicuro successo.

Photogallery


Grandi vetrate incorniciano le sale regalando una vista suggestiva sulle colline circostanti, dominate dal Castello di Castiglione Falletto, ovunque intorno il contatto con il verde delle Langhe.
I mattoni a vista regalano un'atmosfera calda e famigliare, l'arredamento è raffinato e curato nei dettagli.
I tavoli del Ristorante sono rotondi e accoglienti, circondati ovunque da bottiglie e botti che ricordano la grande produzione vitivinicola del territorio, ben conservate nelle apposite cantine a vista alla loro temperatura ideale, mentre le bottiglie di grappa e dei distillati vengono conservate nella torre di pietra tonda che caratterizza la sala.
Al piano inferiore, direttamente a ridosso dei vigneti di Nebbiolo da Barolo di proprietà, c’è il Salone Virginia che, grazie a una capienza di ben 200 posti, può ospitare feste e cerimonie di qualunque tipo.

Summer


Tutta la struttura è dotata di portici, balconi e verande che si affacciano direttamente sul verde dei vigneti delle colline del Barolo, permettendo agli Ospiti di ammirare la luce e i tramonti che la natura delle Langhe sa regalare, gustando un buon Barolo e degustando gli eccellenti prodotti del territorio. 

Rooms



L'Hotel de Charme di Tota Virginia propone 13 camere, di tre tipologie:
5 Comfort
5 Superior
3 Junior Suite

Tutte offrono una suggestiva vista su Serralunga d’Alba e le sue colline, rivolte verso la piscina che domina sul panorama, e sono dotate di tutti i comfort: frigo bar, cassaforte, tv satellitare, scrittoio, climatizzatore e wi-fi gratuito. 
L'arredamento è curato nei minimi dettagli, a tema con elementi e decorazioni che richiamano il mondo del vino e i suoi colori e aromi fruttati e floreali.
I servizi sono personalizzati e rispondono alle diverse esigenze Clientela, in modo da rendere il soggiorno nella maniera più confortevole possibile.

Press

Approfondimenti


La Cucina Piemontese

La cucina piemontese si distingue  in due tipologie: quella che proviene dalla tradizione nobile della corte dei Savoia, e quella nata dalle tradizioni contadine. Nel primo caso parliamo di piatti molto ricchi che venivano serviti nei sontuosi banchetti di corte come il cioccolato, lo zabaione, il bollito misto piemontese e il fritto misto alla piemontese ecc...
Dalla tradizione contadina derivano invece le ricette realizzate con ingredienti poveri come la panissa, la bagna càuda e la finanziera.
Le due anime gastronomiche del Piemonte, quella ricca della corte savoiarda e quella povera contadina hanno contribuito entrambe alla grande varietà di ricette tipiche della cucina piemontese.
Nel classico pranzo alla piemontese non possono mancare gli antipasti piemontesi che nella tradizione occupano un posto da protagonisti, forse eredi dei banchetti alla Corte dei Savoia. Anche le torte e le creme rivestono un ruolo importante nel menu tradizionale piemontese basti pensare alla torta di nocciole, alla crema gianduia o alla crema zabaione.
E non si può menzionare le ricette della tradizione piemontese senza legarle ai territori che compongono questa regione dell'Italia di nord ovest, un viaggio gastronomico nella cucina piemontese ci porta così attraverso le dolci colline delle Langhe, patria del tartufo, delle nocciole, e dei grandi vini.
Attraverso le vaste pianure del vercellese, biellese e novarese regno del riso, ingrediente principe di risotti, panissa e paniscia.
Per poi toccare gli aspri pendii delle Alpi, in cui le minoranze locali dei Valdesi o dei Walser hanno regalato alla cucina piemontese ricette di grande valore tradizionale come la zuppa dei valdesi, le cagliette, la pirrubangada, ecc...
Senza dimenticare le zone dei laghi e dei fiumi in cui si può gustare ottimo pesce come la tinca gobba del Pianalto, prodotto DOP.
Una menzione speciale va poi ai formaggi, in Piemonte se ne contano più di 60 tipologie dai più freschi tomini ai più stagionati come il brus o il gorgonzola.
Tra i formaggi piemontesi DOP uno in particolare, il cui tipico aroma aumenta di pari passo con la stagionatura: la toma piemontese, a pasta semicotta e a base di latte bovino proveniente da allevamenti ubicati nella zona indicata nel Disciplinare di produzione. La toma può essere preparata con latte intero o parzialmente scremato. Questo formaggio, principalmente da tavola, può anche essere usato per arricchire e insaporire pietanze e insalate. Poi la robiola d’Alba tipica delle Langhe, lievemente acida e delicata, poco salata, si presenta a pasta molle bianca e priva di crosta. La stagionatura minima dura 4 o 5 giorni. Nell’area compresa tra le province di Asti, Cuneo, Alessandria e Savona, vengono prodotti numerosi formaggi piemontesi DOP. Portano tutta la tradizione artigianale del territorio in cui sono ottenuti e lavorati; per esempio, del formaggio al Barolo o Testun al Barolo, prodotto con latte vaccino, caratterizzato da pasta dura, forma cilindrica e consistenza compatta, viene affinato in vinacce di Barolo DOCG, di cui assume colore e sapore. Questo formaggio viene fatto stagionare in cantine di tufo su assi di legno, per ottenere una stagionatura lenta. Ottimo nei risotti, per ripieni di ravioli e condimenti di gnocchi.
I prodotti della cucina piemontese sono conosciuti soprattutto per i loro sapori forti. L'aglio e le acciughe della Bagna càuda o il profumo pungente del tartufo bianco delle langhe che accompagna i tajarin, sono sapori molto decisi che ben si sposano con i robusti vini rossi come il Barbera d'Asti o invecchiati come il Barolo.
Molte ricette storiche sono nate a Torino per poi diffondersi in tutta Italia e addirittura nel mondo, come la ricetta dei grissini, o quella degli amaretti di Mombaruzzo.
Negli ultimi anni, grazie anche alla rivisitazione di Chef appassionati della gastronomia tradizionale, c'è una grande riscoperta di ingredienti e ricette tipiche locali e regionali, spesso dimenticate, e riproposte con successo nella ristorazione contemporanea. 
Contatti Tota Virginia